Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Lastrico solare e agevolazioni "prima casa". (Cass. Civ., Sez. V, ord. n. 22561 del 10 agosto 2021)

Il concetto di pertinenza è definito dalla norma civilistica ed indica quei beni che sono destinati al servizio o ornamento di una cosa principale; ciò che rileva per definire le pertinenze non è la classificazione catastale ma il rapporto di complementarità funzionale che pur lasciando inalterata l'individualità dei singoli beni, comporta l'applicazione dello stesso trattamento giuridico. Il lastrico solare ai fini dell'estensione dell'aliquota agevolata per l'acquisto della prima casa, deve intendersi compreso tra le pertinenze dell'immobile, destinate al servizio e ornamento dell'abitazione oggetto dell'acquisto, ai sensi del D.P.R. 26 aprile 1986, n. 131, nota II-bis, art. 1 della tariffa allegata come modificata dalla L. 28 dicembre 1995, n. 549, art. 3, e sulla base della nozione dettata dall'art. 817 cod. civ., anche il lastrico solare di proprietà esclusiva dell'acquirente, senza che rilevi che il bene sia censito unitamente all'immobile principale, nè che l'acquisto della pertinenza sia concluso con atto separato, assumendo la norma tributaria - nel riferimento alle unità immobiliari di classificazione catastale C2, C6 e C7 mera valenza complementare rispetto alla citata mozione civilistica

Commento

(di Daniele Minussi)
Quello che conta, ai fini della concessione delle agevolazioni "prima casa" è che il bene accessorio sia qualificabile come "pertinenza" nella accezione civilistica del termine rispetto all'unità abitativa adibita ad abitazione principale del contribuente. Così ha deciso la S.C. in relazione ad una fattispecie nella quale veniva in considerazione la spettanza delle riferite agevolazioni in riferimento ad un lastrico solare posto al servizio di una unità abitativa. Poichè non era in discussione la circostanza che tale cespite fosse posto a servizio dell'abitazione, indipendentemente dalla classificazione catastale del medesimo, si è statuito come ciò basti ai fini della legittima fruizione della minor tassazione agevolata.

Aggiungi un commento