Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Ammissibilità della clausola di diseredazione meramente negativa. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 8352 del 25 maggio 2012)

È valida la clausola del testamento con la quale il testatore manifesti la propria volontà di escludere dalla propria successione alcuni dei successibili (non legittimari).

Commento

(di Daniele Minussi)
Assolutamente clamorosa la decisione della S.C. che, ribaltando un orientamento consolidato, ha reputato valida ed efficace la clausola di diseredazione meramente negativa, vale a dire quella disposizione che preveda semplicemente la volontà di non lasciare alcunchè ad un successibile ex lege (non legittimario), senza tuttavia parallelamente istituire positivamente altri soggetti, ciò che implica semplicemente determinare l'operatività attributiva della normativa ab intestato rispetto alla quale risulta semplicemente preclusa una vocazione del diseredato.

Aggiungi un commento