Effetti dell' institutio ex re certa relativamente ai beni non considerati nel testamento



Si faccia il caso di Tizio che abbia disposto delle proprie sostanze con atto di ultima volontà lasciando l'appartamento in Milano, Corso Magenta n. 10 (avente un valore pari a 60) a Primo e l'appartamento in Roma, Via Appia n. 10 (avente un valore pari a 30) a Secondo. Quid juris nell'ipotesi in cui alla morte di Tizio si rinvenga nel di lui patrimonio (perchè, ad esempio, successivamente pervenutogli in esito all'apertura della successione di un parente) anche l'ulteriore appartamento in Como, Via Volta n. 10?

Il nodo è costituito dalla considerazione o meno della institutio ex re certa di cui all'art.588 cod. civ. quale limite all'attribuzione a causa di morte ovvero quale indicazione della proporzione di ciascun lascito rispetto all'intero patrimonio nota1. A Primo ed a Secondo, quali eredi, spetterà anche l'ulteriore proprietà in Como proporzionalmente al valore di quanto a ciascuno attribuito? La questione assume notevole rilevanza quando gli eredi testamentari non coincidono con quelli che assumerebbero tale qualità ex lege, onde a questi ultimi e non ai primi profitterebbe il rinvenimento.

In proposito si registra una tesi, secondo la quale, una volta accertata la natura ereditaria del lascito sulla base del criterio imperniato sull'art. 588 cod. civ. , non potrebbe non derivarne l'operatività della vis espansiva propria di una siffatta qualificazione nota2. Se infatti il defunto aveva inteso attribuire i cespiti specificati quale quota dei propri beni, appare logico concludere che anche quanto non espressamente contemplato segua la stessa sorte. Implicitamente in questo senso pare orientata la soluzione data dalla S.C. per il caso della successiva alienazione del bene determinato lasciato dal testatore, ciò che importerebbe la revoca dell'istituzione (Cass. Civ., Sez. VI-II, 6972/2017). Parrebbe tuttavia prevalere una seconda interpretazione: si rileva che l'istituzione ex re certa vale non solo in funzione di quota, ma anche come limite dell'attribuzione, con la conseguenza che i beni sui quali il testatore non ha disposto verranno devoluti secondo le regole della successione legittima nota3. Una volta risolto il dubbio ermeneutico se si tratti di legato ovvero di istituzione d'erede in quest'ultimo senso, occorrerebbe poi fare riferimento, per le ceterae res alle norme relative alla successione ab intestato (Cass. Civ., Sez. II, 42121/2021).

Note

nota1

Nel primo senso cfr. Barbero, Il sistema del diritto privato, Torino, 1993, p.1156.
top1

nota2

Trabucchi, Istituzioni di diritto civile, Padova, 2001, p.862.
top2

nota3

I beni dunque saranno assegnati agli eredi legittimi, in essi compresi, se rivestono tale qualifica, anche gli eredi già istituiti ex re certa (Gangi, La successione testamentaria nel vigente diritto italiano, Milano, 1947-1952, p.381; Bigliazzi Geri, La vocazione testamentaria: capacità di ricevere per testamento in Tratt.dir.priv., diretto da Rescigno, vol.VI, t.2, Torino, 1997, p.142).
top3

Bibliografia

  • BIGLIAZZI GERI, Il testamento, Torino, Trattato Rescigno, VI, 1982
  • GANGI, La successione testamentaria nel vigente diritto italiano, Milano, 1964
  • TRABUCCHI, Istituzione di diritto civile, padova, 2001

News collegate

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Effetti dell' institutio ex re certa relativamente ai beni non considerati nel testamento"

Iscriviti alla Newsletter di WikiJus!

Iscriviti