Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Obbligo di risarcimento del danno in forma specifica a carico del notaio in ordine alla cancellazione dell'ipoteca. (Cass. Civ., Sez. III, sent. n. 15305 del 19 giugno 2013)

L’opera professionale del notaio non si riduce al mero compito di accertamento della volontà delle parti e di direzione nella compilazione dell’atto, ma si estende alle attività preparatorie e successive perché sia assicurata la serietà e la certezza degli effetti tipici dell’atto e del risultato pratico perseguito dalle parti. Pertanto, il notaio quand’anche sia stato esonerato dalle visure, essendo comunque tenuto all’esecuzione del contratto di prestazione d’opera professionale secondo i canoni della diligenza qualificata di cui all’art. 1176, comma II, c.c., e della buona fede, qualora, come nella specie, non osserva i suddetti obblighi, risponde ex contractu per inadempimento della obbligazione di prestazione di opera intellettuale. Infatti la lesione del diritto dell’acquirente in relazione alla certificazione dello stato dell’immobile da parte del notaio, proprio perché costituisce colpa contrattuale per inadempimento, comporta che il notaio deve fare tutto quanto è dovuto al fine di redigere un atto da cui risulti effettivamente la liberazione da ogni vincolo dell’immobile oggetto della compravendita, ossia è il notaio e non altri a dovere rispondere del suo inadempimento. Una volta affermato che l’obbligazione assunta dal notaio relativa alla libertà dell’immobile deve essere da lui adempiuta, indipendentemente da ogni dichiarazione di esenzione manifestatagli dalle parti, ne discende che l’obbligo del risarcimento può essere disposto anche in forma specifica mediante la condanna alla cancellazione del vincolo con il pagamento della somma necessaria a tal fine per il compimento delle richieste formalità, oltre che per equivalente ex art. 2058 c.c., limitando il risarcimento in forma specifica alla sua possibilità in tutto o in parte e alla non eccessiva onerosità per il debitore, da valutarsi da parte del giudice del merito.

Commento

(di Daniele Minussi)
Due sono le affermazioni della S.C. aventi notevole rilevanza. La prima è che il notaio è tenuto ad accertarsi della libertà dell'immobile che viene ceduto per il tramite del proprio ministero indipendentemente da ogni esenzione ed esonero che fosse stato fatto dalle parti.
La seconda è che, una volta stabilita la responsabilità del professionista, costui può essere condannato al risarcimento in forma specifica, vale a dire alla cancellazione dell'ipoteca a proprie spese.

Aggiungi un commento