Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Negotium mixtum cum donatione, donazione indiretta, forma della donazione. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 14799 del 30 giugno 2014)

Con il negozio indiretto le parti si propongono di pervenire ad una determinata finalità attraverso la combinazione di più atti, reali e non simulati, collegati insieme. In tal modo, attraverso tale collegamento le parti raggiungono in maniera indiretta la finalità perseguita, grazie al concorso delle varie forme giuridiche che, pur essendo tutte corrispondenti al vero e conformi alla dichiarata volontà dei contraenti, sortiscono ulteriore effetto diverso, corrispondente a quello voluto dalle parti.
Nel negotium mixtum cum donatione la causa del contratto è onerosa, ma il negozio commutativo adottato viene dai contraenti posto in essere per raggiungere in via indiretta, attraverso la voluta sproporzione delle prestazioni corrispettive, una finalità diversa ed ulteriore, rispetto a quella di scambio, consistente nell'arricchimento, per puro spirito di liberalità, di quello dei contraenti che riceve la prestazione di maggior valore, con ciò venendo il negozio posto in essere a realizzare una donazione indiretta; per il che la vendita ad un prezzo inferiore a quello effettivo non realizza, di per se stessa, un negotium mixtum cum donatione , essendo all'uopo altresì necessario non solo che sussista una sproporzione tra le prestazioni ma anche che questa sia d'entità significativa, ed, inoltre, che la parte alienante sia stata consapevole dell'insufficienza del corrispettivo percepito rispetto al valore del bene ceduto, abbia ciò non ostante voluto il trasferimento della proprietà e l'abbia voluto allo specifico fine d'arricchire la controparte acquirente della differenza tra il detto valore e la minore entità del corrispettivo.
Per la validità della donazione, ai sensi dell'art. 48 della legge notarile, anche prima della modifica introdotta dalla l. n. 246/2005, è necessaria l'assistenza di due testimoni, alla mancanza dei quali non può supplire neanche la prestazione del giuramento decisorio.

Commento

(di Daniele Minussi)
La pronunzia mette a fuoco l'elemento causale del negotium mixtum cum donatione. Essa è soltanto apparentemente onerosa, dovendo in effetti essere considerata una liberalità indiretta. L'assoluta sproporzione tra il prezzo manifestato nella vendita "nummo uno" e il valore del bene trasferito infatti deve scaturire da un preciso intento delle parti, convergente sulla produzione di un siffatto risultato pratico. Non sarebbe sufficiente, a questo riguardo, una mera insufficienza del prezzo, ancorchè manifestamente troppo basso, quando non accompagnata dalla finalità di ottenere l'arricchimento della parte acquirente ed il correlativo depauperamento di quella venditrice.
Banale, infine, l'osservazione dell'infungibilità del formalismo dell'atto pubblico alla presenza di due testimoni in tema di donazione.

Aggiungi un commento