Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

"Fanno distanza" le tubazioni dell’impianto di condizionamento poste in facciata nei rapporti tra i condomini? Prevalenza tra norme del codice civile e regolamento condominiale. (Appello di Palermo, Sez. II, sent. n. 269 del 15 febbraio 2017)

Le norme sulle distanze trovano applicazione anche tra i condomini di un edificio condominiale, a condizione che la disciplina particolare delle cose comuni non sia con esse contrastante.
In tal caso la prevalenza della norma speciale in materia di condominio comporta l'inapplicabilità della disciplina generale sulle distanze che, nel condominio degli edifici è in rapporto di subordinazione rispetto alla prima.

Commento

(di Daniele Minussi)
Sono invocabili tra i condomini le norme in tema di rispetto delle distanze? Secondo la pronunzia in esame, la risposta affermativa è subordinata ad una valutazione di compatibilità della disciplina particolare delle cose comuni quale anche risultante dalle disposizioni contenute nel regolamento condominiale. Nel caso di specie è invece stato dichiarato inapplicabile il II comma dell'art. 889 cod.civ. che impone il passaggio di tubi ad una distanza di un metro dal confine.

Aggiungi un commento