Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. Civ., sez. III, n. 4008/2006. Caratteri della transazione novativa.

Sussiste una transazione novativa quando risulti che la stessa sia incompatibile con le obbligazioni oggetto del precedente rapporto e cioè quando dall’atto sorga un’obbligazione oggettivamente diversa da quella preesistente. Al riguardo, comunque, l’accertamento dell’animus novandi costituisce un apprezzamento di fatto, riservato al giudice del merito, e incensurabile in sede di legittimità, se sorretto da adeguata e corretta motivazione.

Commento

La novatività della transazione viene fatta discendere dalla incompatibilità tra le obbligazioni scaturenti dal rapporto preesistente e quelle derivanti dal contratto, ciò che sostanzia l'animus novandi peculiare della figura.

Aggiungi un commento