Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Ancora in tema di pignorabilità ed ipotecabilità di beni immobili ricompresi in fondo patrimoniale. Indispensabilità di una verifica dello scopo del debito contratto nell'ambito dell'attività d'impresa o professionale. (Cass. Civ., Sez. V, sent. n. 9188 del 6 maggio 2016)

Fermo restando che anche l'ipoteca di cui all'art. 77 DPR n. 602/1973 può essere iscritta su beni facenti parte del fondo patrimoniale costituito ai sensi dell'art. 170 c.c., occorre verificare in concreto se i debiti per i quali l'ipoteca è iscritta siano o meno stati contratti per i bisogni della famiglia, non essendo determinante, a tal fine la circostanza che tali debiti derivino dall'attività professionale o d'impresa. E l'onere della prova di tale estraneità compete al contribuente.

Commento

(di Daniele Minussi)
La pronunzia si inserisce nel solco dell'orientamento alla cui stregua è ben possibile iscrivere ipoteca giudiziale e successivamente sottoporre a pignoramento beni immobili ancorchè sottoposti al vincolo del fondo patrimoniale, ogniqualvolta il debito dell'imprenditore possa essere ritenuto come contratto per il soddisfacimento dei bisogni familiari. L'onere della relativa prova è posto a carico del debitore. In altri termini non è dirimente la circostanza che la passività (nella specie, avente natura tributaria) sia sorta in relazione all'esercizio dell'attività imprenditoriale, ma conta il rapporto tra l'origine del debito e i bisogni familiari. In tal senso se l'obbligazione è sorta per soddisfare questi ultimi, quand'anche nell'ambito imprenditoriale o professionale, il fondo patrimoniale non costituisce certo un limite all'azione del creditore. Nel caso di specie questa verifica non è stata effettuata: in difetto di essa il tema va riproposto ad altra Commissione Tributaria regionale.

Aggiungi un commento