Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Interruzione della prescrizione in esito alla costituzione in mora



Ai sensi dell'ultimo comma dell'art. 2943 cod.civ. qualsiasi atto idoneo a porre in mora il debitore produce interruzione della prescrizione (Cass. Civ. Sez. III, 4804/87 ). Non sarebbe sufficiente una richiesta puramente
verbale ovvero una sollecitazione anche scritta, ma priva del carattere di intimazione: quello che occorre è un atto avente le caratteristiche di cui all'art. 1219 cod.civ.nota1.

E' stata ritenuta idonea anche la proposizione di una domanda giudiziale, pur anche quando fosse nulla per difetto di formanota2.

Note

nota1

Bianca, Diritto civile, vol.V, Milano, 1994, p.91; Lo Cuoco, in Comm.cod.civ., vol.VI, Torino, 1997, p.665.
top1

nota2

Barassi, Teoria generale delle obbligazioni, III, Milano, 1946, p.251.
top2

Bibliografia

  • BARASSI, La teoria generale delle obbligazioni, Milano, I, 1946
  • BIANCA, Diritto civile, Milano, V, 1994
  • LO CUOCO, Torino, Comm.cod.civ., VI, 1997

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Interruzione della prescrizione in esito alla costituzione in mora"

Iscriviti alla Newsletter di WikiJus!

Iscriviti