Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Atti sottoposti a condizione sospensiva, approvazione od omologazione



I negozi sottoposti a condizione sospensiva, approvazione od omologazione (art. 27, D.P.R. n. 131/1986) sono atti ad efficacia differita all’avveramento della condizione, approvazione e omologazione (equiparabili a condicio iuris, ad esempio omologazione atto costitutivo di società di capitali).

Per tale ragione vanno inizialmente registrati a tassa fissa e successivamente al verificarsi della condizione, omologazione o approvazione (o quando l’atto diviene eseguibile per il decorso dell’intervallo di tempo previsto per legge), è dovuta la differenza tra l’imposta prevista al momento di formazione dell’atto e quella fissa già pagata in sede di registrazione.

Gli atti soggetti a condizione sospensiva meramente potestativa, cioè che è indifferente compiere, sono soggetti ad imposta:
  • proporzionale se dipendono dalla mera volontà dell’acquirente o del creditore (art. 27, comma 3, D.P.R. n. 131/1986);
  • fissa se dipendono dalla mera volontà del venditore o del debitore (anche se civilisticamente sono considerati atti nulli, ex. art. 1355 cod. civ.) (art. 27, comma 4, D.P.R. n. 131/1986).

Vedi anche

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Atti sottoposti a condizione sospensiva, approvazione od omologazione"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto