Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Usi civici. Profili processuali nel giudizio in materia di usi civici: inammissibilità dell’integrazione del contraddittorio nel reclamo contro la sentenza commissariale. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 9621 del 5 maggio 2014)

In tema di usi civici, l'art. 4 della l. n. 1078/1930, nell'escludere l'integrazione del contraddittorio in appello nei riguardi dei controinteressati al gravame, manifestamente non viola gli artt. 24 e 111 Cost., essendo la deroga all'art. 331 c.p.c. giustificata dall'interesse pubblico alla speditezza dei giudizi di demanialità civica e non essendo il processo ordinario di cognizione paradigma assoluto del "giusto processo".

Commento

(di Daniele Minussi)
Il nodo è costituito dalla indispensabilità o meno che sia integrato il contradditorio nel giudizio di secondo grado se l'atto introduttivo del giudizio di secondo grado in materia di accertamento di usi civici non sia stato notificato a tutte le parti che hanno partecipato al giudizio di primo grado. Sul punto la S.C. ribadisce come non sia applicabile il litisconsorzio necessario. Il reclamo è conseguentemente ammissibile anche se non siano state citate le parti che avrebbero avuto lo stesso interesse del reclamante.
Inversamente è inammissibile il reclamo quando non siano stati citati nei termini i soggetti aventi un interesse a conservare la decisione di primo grado.

Aggiungi un commento