Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Revocabilità dell'atto costitutivo di fondo patrimoniale. Irrilevanza dell'apprezzabilità dei motivi etici e sociali. (Cass. Civ., Sez. VI-III, sent. n. 24870 del 4 ottobre 2019)

Sono soggetti ad azione revocatoria anche gli atti aventi un profondo valore etico o sociale, posto che la tutela degli interessi familiari - costituiti, nella specie, dalla grave situazione di invalidità della figlia dei ricorrenti, peraltro già sussistente anni prima della costituzione del vincolo - non fa venire meno il concorrente interesse dei creditori a rivalersi contro gli atti che pregiudicano il patrimonio del debitore.


Commento

(di Daniele Minussi)
Non possiede alcuna rilevanza la considerazione del perchè i coniugi abbiano costituito il fondo patrimoniale: la possibilità per i creditori di agire per il tramite della azione revocatoria ordinaria prescinde in maniera assoluta da tale aspetto, avendo quale termine di riferimento unicamente i parametri di cui all'art. 2901 e ss cod.civ.. Il tutto a tacere del fatto che, nella fattispecie, la grave invalidità della figlia che a dire dei genitori avrebbe costituito il motivo della costituzione del vincolo, era sussistente da circa un ventennio.

Aggiungi un commento