Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Pubblichi una foto sulla tua pagina di FB? Si presume che tu ne abbia il copyright (Tribunale di Roma, sent. 12076/2015)

Deve ritenersi che la pubblicazione di una fotografia nella pagina personale di un social network come Facebook, in mancanza di altre emergenze probatorie di segno contrario può assurgere a presunzione grave, precisa e concordante della titolarità dei diritti fotografici in capo al titolare della pagina del social network nella quale le immagini sono pubblicate, dovendosi inoltre osservare che, esaminate le condizioni di licenza di Facebook, la possibilità di utilizzo delle informazioni pubblicate con impostazione “pubblica” sul social network non costituisce licenza generalizzata di utilizzo e di sfruttamento dei contenuti coperti da diritti di proprietà intellettuale in favore di qualunque terzo che accede alla pagina Facebook, e che la prevista libertà di utilizzo dei contenuti pubblicati dagli utenti con tale impostazione riguarda esclusivamente le informazioni e non i contenuti coperti da diritti di proprietà intellettuale degli utenti, rispetto ai quali l’unica licenza è quella non esclusiva e trasferibile concessa a Facebook.

Commento

(di Daniele Minussi)
Posti una foto su Facebook? Si presume che le abbia scattate tu e che sia il titolare dei diritti sulle stesse.
Nel caso di specie erano state pubblicate su un quotidiano foto che erano state scattate in discoteca da un ragazzo che le aveva poi pubblicate su FB. La pubblicazione sul social network non le rende certamente materiale fruibile da chiunque, vigendo comunque i principi generali in tema di protezione del diritto di autore.
Se non ne sei titolare e non in altro modo autorizzato (si pensi alle licenze creative commons) non puoi pertanto pubblicare gli scatti "rubati". Altrimenti si può ben essere chiamati a risarcire i danni per violazione del copyright da chi ne è titolare. Va osservato come il pregiudizio, al riguardo, si configuri sia in relazione al danno patrimoniale, sia a quello non patrimoniale, consistente nel diritto ad essere riconosciuto quale autore dell'opera (nella fattispecie: dello scatto).

Aggiungi un commento