Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Fondo patrimoniale istitutivo di un vincolo di durata trentennale su automobili. Finalità elusiva. Reato di sottrazione fraudolenta ex art.11 d.lgs. 74/2000. (Cass. Pen., Sez. III, sent. n. 7177 del 15 febbraio 2017)

Si profila una condanna penale per sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte il presunto evasore fiscale che costituisce in fondo patrimoniale delle automobili. Infatti, imprimere un vincolo trentennale a dei beni soggetti a obsolescenza dimostra la volontà di sfuggire al debito con l’Erario. Ma c’è di più: ai fini della configurazione del reato o, come in questo caso, del sequestro preventivo non è necessaria la preventiva condanna per evasione fiscale essendo sufficiente che il procedimento penale sia stato già avviato.

Commento

(di Daniele Minussi)
Fondo patrimoniale avente ad oggetto autovetture? Secondo i Giudici è evidente lo scopo fraudolento della apposizione di un vincolo avente durata trentennale avente ad oggetto beni mobili che, in relazione al loro ordinario utilizzo, sono naturalmente soggetti ad obsolescenza e degrado. L'utilizzo dello strumento del fondo patrimoniale può così integrare gli estremi del reato di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte di cui all'art. 11 D.Lgs. 74/00 (cfr. anche Cass. Pen., Sez. III, 40561/12) proprio in relazione alla concreta situazione del contribuente, il quale non aveva provveduto a non versare imposte, seppure in misura inferiore alla soglia di rilevanza penale.

Aggiungi un commento