Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Fondo patrimoniale e debito con l’Erario contratto per scopi riconducibili ad esigenze della famiglia. (Cass. Civ., Sez. III, sent. n. 17076 del 11 luglio 2017)

L'immobile costituito in fondo patrimoniale viene ipotecato da Equitalia se il debito con l'Erario è stato contratto per scopi inerenti ai bisogni familiari. (Nel caso di specie, la Corte di merito ha correttamente ritenuto che il debito tributario de quo, relativo ad imposte sui redditi, non fosse estraneo ai bisogni della famiglia essendo correlato alla produzione di reddito familiare).

Commento

(di Daniele Minussi)
Che il vincolo di cui al fondo patrimoniale sia posto a presidio delle esigenze familiari è ben noto. Ne discende che esso costituisca baluardo contro le incursioni dei creditori soltanto in relazione alle passività che non sono riconducibili al menage della famiglia. Se si pone mente alla circostanza che l'onere della prova relativamente alla circostanza che il debito sia estraneo alle esigenze familiari incombe sui debitori, è possibile mettere a fuoco la notevole difficoltà di sfuggire alle maglie del fisco. Nella fattispecie il debito tributario afferente alle imposte sui redditi, afferiva alle attività prodotte dall'impresa commerciale gestita dal marito. La connessione rispetto alla produzione del reddito che costituiva sostentamento della famiglia non lo rende certo estraneo al soddisfacimento delle esigenze di questa.

Aggiungi un commento