Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Termine di decadenza dall'azione di manutenzione



Anche l'azione di manutenzione (art. 1170 cod.civ.), come quella di spoglio, è soggetta al termine di decadenza di un anno a far tempo dalla molestia.

Secondo la giurisprudenza, se vi sono stati più atti di molestia, l'anno utile per la proposizione dell'azione di manutenzione decorre dal primo episodio che vale a concretare la molestia, ogniqualvolta i singoli atti possano definirsi come legati tra loro da un rapporto d'inscindibile dipendenza che vale a unificarli come un'unica azione (Cass. Civ. Sez. II, 10320/94 ). In senso contrario, si può osservare che non sarebbe invece sufficiente la mera identità dell'elemento intenzionale onde considerare unitariamente una serie di atti che non abbiano tra essi un obiettivo collegamento nota1.

Note

nota1

Si confrontino Bigliazzi Geri-Breccia-Busnelli-Natoli, Istituzioni di diritto civile, Genova, 1980, p.417; Masi, Il possesso, la nuova opera e il danno temuto, in Tratt. dir. priv., diretto da Rescigno, Torino, 1982, p.468; Torrente-Schlesinger, Manuale di diritto privato, Milano, 1985, p.404.
top1

Bibliografia

  • MASI, Il possesso e la denuncia di nuova opera e di danno temuto, Tratt. Rescigno, VIII, 1982

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Termine di decadenza dall'azione di manutenzione
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Termine di decadenza dall'azione di manutenzione"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto