Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Termine decadenziale per rinunziare al legato



L'art.650 cod.civ. prevede la facoltà, per qualsiasi interessato di far fissare dall'autorità giudiziaria un termine entro il quale il legatario dichiari se intende fare rinunzia al legato. La norma, in tal senso simmetrica all'art.481 cod.civ. , svolge la funzione di troncare la situazione di incertezza che si determina in esito all'apertura della successione e che ben potrebbe perdurare fino al decennio da tale momento (fino cioè al tempo in cui il diritto di rinunziare non possa dirsi prescritto) nota1. Essa introduce un termine avente natura decadenziale (Cass.Civ. Sez.II, 459/90 ) nota2, la cui mancata osservanza da parte del legatario cagiona la conseguenza di cui all'ultima parte della disposizione in esame, vale a dire la perdita del diritto di rinunziare nota3.

Attivamente legittimati in ordine all' actio interrogatoria sono non soltanto l'erede onerato, i legatari in sostituzione (ai quali profitterebbe il beneficio nell'ipotesi di rinunzia del primo legatario) i collegatari con diritto di accrescimento, i sublegatari, bensì anche gli eventuali beneficiari dell'onere imposto al legatario e l'esecutore testamentario nota4.

Autorità competente a fissare il termine è, ai sensi dell'art. 749 c.p.c., il tribunale del luogo in cui si è aperta la successione. Disputata è la possibilità, per il legatario, di domandare una proroga del termine, ovviamente prima che quest'ultimo sia scaduto nota5 .

Note

nota1

Il legatario potrebbe infatti rimanere inerte, non facendo espressa rinunzia al legato, nello stesso tempo senza attivarsi in alcun modo per conseguirlo.
top1

nota

nota2

Napoli, Il legato, in Le successioni testamentarie. a cura di Bianca, in Giur.sist.di dir.civ. e comm., Torino, 1983, p.200.
top2

nota3

Il silenzio del legatario comporta la perdita del diritto di rinunziare con il conseguente consolidamento definitivo dell'acquisto in capo al medesimo legatario: Trabucchi, voce Legato, in N.mo Dig.it., p.616.
top3

nota4

La legittimazione in capo all'esecutore testamentario rinviene la propria giustificazione nell'esigenza di individuare in maniera chiara e definitiva i soggetti destinatari dei lasciti testamentari, in modo da dare piena attuazione alle volontà del de cuius (Masi, Dei legati, in Comm.cod.civ., a cura di Scialoja-Branca, Bologna-Roma, 1979, p.37).
top4

nota5

Esprimono parere favorevole Masi, op.cit., p.38 e Caramazza, Delle successioni testamentarie (Artt.587-712), in Comm.teorico-pratico al cod.civ., diretto da De Martino, Novara-Roma, 1982, p.360. Contra Tribunale di Montepulciano, 13 gennaio 1960 , in Giur.it., 1961, c.586.
top5

Bibliografia

  • CARAMAZZA, Delle successioni testamentarie, Novara-Roma, Comm. teor.-prat. cod.civ. dir. De Martino, 1982
  • MASI, Dei legati, Bologna - Roma, Comm.cod.civ. a cura di Scialoja e Branca, 1979
  • NAPOLI, I legati, Torino, Giur. sist. civ. e comm., 1983
  • TRABUCCHI, Legato (diritto civile), N.mo Dig. it.

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Termine decadenziale per rinunziare al legato
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Termine decadenziale per rinunziare al legato"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto