Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Azione di manutenzione: legittimazione attiva e passiva



La legittimazione attiva in ordine all'azione di manutenzione, a differenza di quanto si può osservare in tema di azione di spoglio, spetta soltanto al possessore di un immobile, di un'universalità di mobili o di un diritto reale su un immobile. Non spetta quindi al possessore di beni mobili nota1. Inoltre occorre che il possessore molestato abbia già il possesso da oltre un anno, in modo continuo, non interrotto, né viziato da violenza o clandestinità (Cass. Civ. Sez. II, 4109/85 ); non spetta invece al semplice detentore nota2 (Cass. Civ. Sez. II, 1448/96 ; Cass. Civ. Sez. II, 3123/75 ).

Il possessore può esercitare l'azione indipendentemente dal fatto che abbia anche la materiale detenzione del bene: il rimedio dunque è proponibile anche dal possessore mediato.

Giova rilevare che, secondo un'opinione giurisprudenziale, l'azione di manutenzione non spetterebbe a tutela del titolare di una servitù non apparente perchè, mancando opere visibili e permanenti (Cass. Civ. Sez. II, 3285/88 ; Cass. Civ. Sez. II, 1139/84 ), (art. 1061 cod.civ.), il possesso avrebbe carattere transitorio, non potendo tra l'altro la servitù essere acquistata mediante usucapione. Si oppone, peraltro, che la tutela possessoria è data contro la molestia o le turbative indipendentemente dalla possibilità che al possesso della servitù faccia seguito l'usucapione nota3.

Legittimato passivamente è l'autore della molestia, ovvero colui che ne abbia approfittato, nonchè il successore a titolo universale nota4.

Note

nota1

V. Torrente-Schlesinger, Manuale di diritto privato, Milano, 1985, p.403.
top1

nota2

Cfr. Bianca, Diritto civile, vol. VI, Milano, 1999, p.861.
top2

nota3

Così p.es. Protettì, Le azioni possessorie: la responsabilità e il procedimento in materia possessoria, Milano, 1974, p.398; Barassi, Diritti reali e possesso, II, Il possesso, Milano, 1952, p.338.
top3

nota4

Masi, Il possesso, la nuova opera e il danno temuto, in Tratt.dir.priv., diretto da Rescigno, Torino, 1982, p.477.
top4

Bibliografia

  • BARASSI, Diritti reali e possesso, Milano, 1952
  • BIANCA, Diritto Civile, Milano, VI, 1999
  • MASI, Il possesso e la denuncia di nuova opera e di danno temuto, Tratt. Rescigno, VIII, 1982
  • PROTETTI', Le azioni possessorie: la responsabilità e il procedimento in materia possessoria, Milano, 1974

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Azione di manutenzione: legittimazione attiva e passiva
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Azione di manutenzione: legittimazione attiva e passiva"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto