Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Figli nella successione legittima




Nessun aspetto particolare emerge con riferimento all'individuazione della categoria dei figli, essendo venuta meno ogni distinzione tra figli legittimi e figli naturali in seguito alla riforma della filiazione di cui al d.lgs. 154/2013. Il principio, ripetutamente affermato tra gli interpreti, secondo il quale quando si discorre di figli (un tempo appellati come "naturali") oggi semplicemente "nati fuori dal matrimonio" occorre in ogni caso fare riferimento a coloro la cui filiazione sia stata volontariamente riconosciuta o giudizialmente dichiarata, diversamente dovendosi considerare di fronte alla legge genitori e figli naturali alla stregua di estranei, rinviene un preciso riferimento nell'art. 573 cod.civ.. La norma è stata posta all'evidente fine di evidenziare il diverso trattamento che in ambito successorio viene riservato ai figli nati fuori dal matrimonio rispetto ai figli non riconoscibili destinati a rimanere tali in quanto sia ricusata l'autorizzazione giudiziale al loro riconoscimento, di cui al successivo art. 580 cod.civ..

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Figli nella successione legittima"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto