Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Lastrico solare praticabile e raggiungibile da tutti i condomini. Apposizione di vasi contenenti fiori da parte di uno soltanto tra i condomini, legittimità. (Tribunale di Roma, 16 luglio 2018 n.14693)

Nello sfruttamento personale della terrazza comune, mediante l'allocazione di lettini prendisole e di piante ornamentali, non v'è alcuna violazione del principio di cui al pari diritto di uso da parte di tutti i condomini.

Commento

(di Daniele Minussi)
Quello che conta in materia di fruizione di enti o spazi comuni condominiali è che l'utilizzo fatto da uno dei condomini non pregiudichi il pari uso da parte di ciascuno degli altri. E' ben vero che l'apposizione di un vaso contenente fiori o piante, a stretto rigore preclude l'allocazione di analogo vaso che potrebbe essere posto esattamente nello stesso posto: ma ciò che conta è l'aspetto funzionale. E' chiaro infatti che allocare un vaso da fiori sul lastrico solare non impedisce che ciascuno degli altri condomini non possa comportarsi analogamente, ovviamente occupando uno spazio fisico diverso. Nel caso dei specie i vasi non impedivano nè il transito, nè la fruizione della terrazza, nè risultavano altrimenti di nocumento al pari utilizzo del bene comune.

Aggiungi un commento