Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Entrata in vigore a far tempo dal 6 febbraio 2016 la nuova normativa sulle depenalizzazioni. (Dlgs 15 gennaio 2016 numeri 7 e 8)

Sono stati pubblicati in Gazzetta Ufficiale i decreti legislativi di attuazione della l. 67/2014 c.d. "pacchetto depenalizzazioni".
Leggi il testo del dlgs 7/2016 e del dlgs 8/2016.

Commento

(di Daniele Minussi)
Come non reagire con preoccupazione ad una ritirata strategica dello Stato che rinunzia ad applicare una sanzione penale a condotte certamente antigiuridiche come l'ingiuria, il danneggiamento (sia pure semplice), il compimento di atti osceni? All'abbandono della pretesa punitiva fa da contrappeso l'inasprimento delle sanzioni amministrative. Come dire: è meglio evitare che lo Stato spenda per reagire all'illecito (non sarà possibile chiamare la forza pubblica, attivare un giudizio penale ed applicare la relativa sanzione), ma se colui che lo ha posto in essere è abbiente, paghi pure una robusta sanzione pecuniaria. E chi pensa al cittadino che rimane, a fronte di soggetti nullatenenti, del tutto sprovvisto di protezione?

Aggiungi un commento