Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. Civ., Sez. I, n. 6037 del 12 marzo 2010. Responsabilità del componente del Consiglio di amministratore privo di deleghe derivante dal compimento di nuove operazioni

Il componente senza deleghe di consiglio di amministrazione di una società per azioni che abbia omesso di esercitare i poteri di vigilanza che gli sono propri risponde solidalmente con gli altri amministratori dei danni derivanti al patrimonio della società in stato di scioglimento dal compimento di nuove operazioni successive a tale stato.

Commento

(di Daniele Minussi) Le conseguenze della violazione dell'art.2449 cod.civ. non vengono meno in riferimento all'assenza di poteri rappresentativi in capo al soggetto facente parte dell'organo amministrativo, per ciò stesso della appartenenza a quest'ultimo investito dei poteri di gestione degli affari sociali.

Aggiungi un commento