Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Prescrizione del diritto dell'acquirente di cosa altrui



La qualificazione della vendita di cosa altrui come automaticamente operativa in esito all'acquisto della cosa ad opera del soggetto obbligato, porta con sè una peculiare problematica, con riferimento alla disciplina della prescrizione del diritto dell'acquirente.

Si pensi al caso di Tizio che vende a Caio un appezzamento di terreno che in quel momento appartiene a Sempronio. Cosa riferire dell'eventualità in cui l'acquisizione da quest'ultimo intervenga oltre il termine di dieci anni?

Prescindiamo da ogni considerazione relativamente al fatto che nella vendita di cosa altrui si impone la previsione di un termine entro il quale il venditore deve far acquisire all'acquirente la proprietà della cosanota1 . E' possibile sostenere che, qualora il venditore abbia acquistato il bene dal terzo successivamente al decorso del termine prescrizionale del diritto dell'acquirente a divenire proprietario del medesimo bene (scaturente dalla vendita conclusa ai sensi dell'art. 1478 cod.civ.), non si produca l'effetto traslativo-acquisitivo (proprio per lo spirare del detto termine) in favore dell'acquirente, rimanendo piuttosto in capo a colui che l'aveva alienato come altrui? In giurisprudenza è stata data al quesito una risposta articolata, sulla scorta dell'osservazione che, in difetto di una manifestazione da parte dell'alienante intesa a negare la consistenza del diritto dell'acquirente, non potrebbe essere allegata l'efficacia estintiva della prescrizione (cfr. Cass. Civ. Sez. II, 6977/86 ). Con ciò implicitamente si viene a riconoscere che la riposta avrebbe potuto essere diversa nell'ipotesi in cui l'alienante, nell'acquistare la cosa dal terzo, avesse manifestato di non reputarsi obbligato alla stipulazione ex art. 1478 cod.civ. precedentemente conclusa, a motivo dell'estinzione del diritto in esito al decorso del termine prescrizionale.

Note

nota1

Perciò, in caso di mancanza di un termine convenzionale, le parti potranno agire ex art.1183 cod.civ. per ottenere la fissazione di un termine ad opera del giudice: cfr. Mirabelli, Dei singoli contratti, in Comm.cod.civ., libro IV, Torino, 1991, p.55.
top1

Bibliografia

  • MIRABELLI, Dei singoli contratti, Torino, Comm. cod. civ., vol. IV, 1968

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Prescrizione del diritto dell'acquirente di cosa altrui
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Prescrizione del diritto dell'acquirente di cosa altrui"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto