Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Forma della accettazione espressa di eredità



Ai sensi dell'art. 475 cod.civ. l'accettazione è espressa quando, in un atto pubblico o in una scrittura privata il chiamato all'eredità ha dichiarato di accettarla, oppure ha assunto il titolo di erede.

Si tratta dunque di un atto negoziale di carattere necessariamente formale nota1, dovendo esser contenuto in una scrittura privata o in un atto pubblico. Non occorrono in ogni caso formule sacramentali essendo sufficiente che il chiamato si esprima nel senso di assumere il titolo di erede al fine di far valere i diritti ereditari nota2 .

Note

nota1

Così Saporito, L'accettazione dell'eredità, in Successioni e donazioni a cura di Rescigno, vol.1, Padova, 1994, p.203.
top1

nota2

E' sufficiente che l'atto costituisca la manifestazione di una scelta consapevole da parte del chiamato diretta all'acquisto dell'eredità (Schlesinger, voce Successioni, in N.mo Dig. It., p.760).
top2

Bibliografia

  • SAPORITO, L'accettazione dell'eredità, Padova, Successioni e donazioni, a cura di Rescigno, I, 1994
  • SCHLESINGER, Successioni, NDI, XVIII, 1971

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Forma della accettazione espressa di eredità
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Forma della accettazione espressa di eredità"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto