Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Soggetti obbligati a chiedere la registrazione



L’ordinamento fiscale non detta una disciplina generale dei contratti ma si limita a regolare l’obbligazione tributaria derivante da ciascun contratto, sia ai fini delle imposte dirette che indirette.

A differenza dell’obbligazione contrattuale, riconducibile all’autonomia privata, l’obbligazione tributaria è retta da regole proprie quasi sempre riconducibili alle leggi d’imposta nota1. Tuttavia anche l’obbligazione tributaria, anche se in diversa misura, è spesso riconducibile al codice civile.

L’imposta di registro è definita un’imposta sugli atti proprio perché colpisce l’attività negoziale in genere ed i contratti in particolare.

Sono obbligati a richiedere la registrazione i seguenti soggetti (art. 10, D.P.R. n. 131/1986):
  • le parti contraenti per le scritture private non autenticate, per i contratti verbali e per gli atti pubblici e privati formati all’estero;
  • i rappresentanti delle società o enti esteri ovvero uno dei soggetti che risponde delle obbligazioni della società o dell’ente per le operazioni di società ed enti esteri;
  • i notai, gli ufficiali giudiziari, i segretari o delegati della Pubblica amministrazione e gli altri pubblici ufficiali per tutti gli atti pubblici alla cui formazione siano intervenuti e per gli altri atti da essi ricevuti o autenticati;
  • i cancellieri e i segretari che hanno partecipato nell’esercizio delle loro funzioni alla formazione di detti atti, per le sentenze, i decreti e gli altri atti degli organi giurisdizionali;
  • gli impiegati dell’Amministrazione finanziaria e gli appartenenti al corpo della Guardia di Finanza, per gli atti da registrare d’ufficio;
  • gli agenti di affari in mediazione iscritti nell’albo degli agenti immobiliari del ruolo ex art. 2, legge 3 febbraio 1989, n. 39, per le scritture private non autenticate di natura negoziale stipulate a seguito della loro attività per la conclusione degli affari (art. 10, lett. d-bis), D.P.R. n. 131/1986, aggiunto ex art. 1, comma 46, legge 27 dicembre 2006, n. 296).

Note

nota1

Cfr. G. A. Micheli - G. Tremonti, Obbligazioni (diritto tributario), in Enc. Dir., vol. XXIX, Milano.
top1

Voce correlata in diritto civile

Il contratto: definizione

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Soggetti obbligati a chiedere la registrazione"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto