Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Rapporto tra promittente e stipulante



Come detto, il contratto a favore di terzo è un atto negoziale bilaterale mediante il quale una parte (detta promittente) si obbliga ad eseguire una prestazione a favore del terzo in cambio di una controprestazione assunta dall’altra parte (detta stipulante). La causa del contratto a favore del terzo (cioè la ragione economico-giuridica) può essere diversa, ma comunque è sempre una causa onerosa (ad esempio, compravendita, appalto, fornitura, ecc.) e per determinare il contenuto e gli effetti fiscali dell’operazione è esclusivamente al contratto che occorre far riferimento.

Di conseguenza, il rapporto tra stipulante e promittente sarà assoggettato al regime fiscale previsto per il tipo di operazione posta in essere a seconda che essi agiscano in qualità di soggetti privati ovvero di soggetti IVA (imprenditori o professionisti), distinguendo tra imposte sui redditi, imposta sul valore aggiunto ed imposta di registro.

Vedi anche

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Rapporto tra promittente e stipulante"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto