Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Disciplina del negozio condizionato



L'atto sottoposto a condizione, sia sospensiva, sia risolutiva, è contrassegnato da una disciplina particolare. La legge assume in speciale considerazione alcuni aspetti, quali la difettosità dell'evento dedotto nella clausola condizionale sotto il profilo dell'impossibilità o dell'illiceità del medesimo, nonché lo svolgimento diacronico della fattispecie condizionale. Sono disciplinate le situazioni giuridiche soggettive facenti capo alle parti, delle quali la più tipica è costituita dall' aspettativa nota1 .

La prima osservazione da compiere consiste tuttavia  nel riferire che non tutti gli atti tollerano l'apposizione della clausola condizionale: in particolare non sono sottoponibili a condizione i c.d. actus legitimi nota2.

Note

nota1

Costanza, La condizione e gli altri elementi accidentali, in I contratti in generale, dir. da Gabrielli, t.2, Torino, 1999, p.849.
top1

nota2

Gazzoni, Manuale di diritto privato, Napoli, 1996, p.874 .
top2

Bibliografia

  • COSTANZA, La condizione e gli altri elementi accidentali, Torino, I contratti in generale, II, 1999
  • GAZZONI, Manuale di diritto privato, Napoli, 2006

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Disciplina del negozio condizionato"

Iscriviti alla Newsletter di WikiJus!

Iscriviti