Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 2017 numero 2368 (31/01/2017)




La nullità prevista dal primo comma dell'art. 13 della L. n. 431/1998, sanziona il patto occulto di maggiorazione del canone, che, in quanto nullo, non è sanato dalla registrazione tardiva, fatto extra negoziale inidoneo ad influire sulla validità dell'atto.

Ne consegue che resta valido il solo contratto registrato e quindi dovuto solamente il canone apparente. (Nella specie, la Corte dichiarava la nullità del patto contenente la previsione di un canone di locazione maggiore di quello risultante dal contratto registrato e cassava senza rinvio la sentenza, poiché la compensazione c.d. impropria, disposta dai giudici di merito fra i canoni dovuti dalla conduttrice e la restituzione del deposito cauzionale da parte del locatore si basava sull'erroneo presupposto che il contenuto di quel patto aggiunto facesse stato fra le parti.)

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 2017 numero 2368 (31/01/2017)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto