Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Società in accomandita semplice. Atti posti in essere da chi abbia perduto la qualifica di accomandatario. Effetti della eventuale ratifica. (Cass. Civ., Sez. I, sent. n. 2403 dell’8 febbraio 2016)

La ratifica degli atti compiuti dall'ex socio accomandatario per conto della società non può avere efficacia limitata ed estende dunque i suoi effetti anche agli atti compiuti nel periodo compreso tra la cessazione della carica dell'accomandatario e la nomina del suo successore.
Il negozio compiuto dal falsus procurator non è invalido, ma soltanto in itinere, ovvero a formazione successiva, sicché il 'dominus' può ratificare e fare propri gli effetti del negozio concluso in suo nome con effetti retroattivi. La ratifica è una dichiarazione di volontà unilaterale, che deve rispettare la forma prescritta per il contratto concluso dal falsus procurator, ed ha carattere ricettizio, richiedendo, per produrre effetto, la notifica o la comunicazione all'altro contraente.
La ratifica sana, con efficacia retroattiva, il difetto di potere rappresentativo del falsus procurator e tale regime giuridico, in mancanza di clausole o condizioni che ne conformino diversamente l'efficacia, non è modificabile in via interpretativa. (Nella specie, la S.C. ha ritenuto che, in ipotesi di sostituzione del socio accomandatario di una s.a.s., la comunicazione ai terzi di tale sostituzione, con contestuale assunzione, ad opera del nuovo legale rappresentate, delle obbligazioni contratte sino a quel momento dal precedente amministratore, abbia prodotto effetti fin dalla sostituzione stessa e non, come ritenuto dalla corte di merito, solo dalla sua avvenuta comunicazione).

Commento

(di Daniele Minussi)
La fattispecie all'attenzione dei giudici si differenzia rispetto all'ordinario caso della ratifica soltanto per la qualità del falsus procurator, concretamente socio accomandatario di una sas. In particolare ci si è interrogati sull'operatività dell'appropriazione da parte del nuovo socio amministratore degli atti posti in essere dal precedente socio accomandatario nel tempo in cui, essendo già stato privato di tale qualifica, avrebbe dovuto astenersi dal porre in essere atti di amministrazione della società. La risposta ricalca la regola generale della retroattività della ratifica, indipendentemente dal tempo in cui essa sia stata comunicata ai destinatari dell'attività giuridica.

Aggiungi un commento