Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Società già cancellata dal registro delle imprese. Notificazione del ricorso per la dichiarazione di fallimento. (Cass. Civ., Sez. VI-I, sent. n. 23728 del 10 ottobre 2017)

Nel caso di società già cancellata dal registro delle imprese, il ricorso per la dichiarazione di fallimento può essere validamente notificato, ai sensi dell' art. 15, comma III, l. fall., all'indirizzo di posta elettronica certificata della società cancellata in precedenza comunicato al registro delle imprese, ovvero, quando per qualsiasi ragione non risulti possibile la notifica a mezzo PEC, direttamente presso la sua sede risultante sempre dal registro delle imprese e, in caso di ulteriore esito negativo, mediante deposito presso la casa comunale del luogo dove la medesima aveva sede; né la specialità e completezza di tale disciplina prevista nel procedimento per la dichiarazione di fallimento patiscono una deroga per il caso in cui la società cancellata dal registro delle imprese sia già stata posta in liquidazione, onde va escluso che residuino ipotesi in cui il ricorso di fallimento e il decreto di convocazione debbano essere notificati, ai sensi degli artt. 138 e segg. o 145 c.p.c. (a seconda che l'impresa esercitata dal debitore sia individuale o collettiva), nei diretti confronti del titolare della ditta o del legale rappresentante della società.

Commento

(di Daniele Minussi)
Come raggiungere con efficacia legale la società ai fini della notificazione del ricorso introduttivo dell'istanza di fallimento quando la società sia già stata cancellata dal registro delle imprese? Secondo la S.C. basta l'invio all'indirizzo della casella di PEC della società stessa. Se tale procedimento non sortisse esito positivo, la notificazione dovrebbe essere eseguita (a norma dell'art.107 comma I del dpr 1959 n.1229) presso la sede risultante dal registro delle imprese. Soltanto in cui quest'ultima eventualità risultasse non praticabile, potrebbe validamente aver luogo il deposito presso la casa comunale in cui si trova la sede legale della società, perfezionandosi in tale momento.

Aggiungi un commento