Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Proventi consumati dell’attività separata dei coniugi: esclusione dalla comunione legale. (Cass. Civ., Sez. VI-I, sent. n. 5652 del 7 marzo 2017)

L’art. 177, comma 1, lett. c), c.c. esclude dalla comunione legale i proventi dell'attività separata svolta da ciascuno dei coniugi e consumati, anche per fini personali, in epoca precedente allo scioglimento della comunione.

Commento

(di Daniele Minussi)
Nel caso di specie l'azione di uno dei coniugi era intesa a far dichiarare l'obbligo di restituzione della metà delle somme prelevate dall'altro coniuge dal proprio conto corrente bancario ed impiegati per l'acquisto di un immobile da considerarsi personale in quanto acquistato successivamente all'instaurazione del regime della separazione dei beni. Si tratta tuttavia dell'ipotesi assunta in considerazione dalla lettera c) dell'art.177 cod.civ. che espressamente esclude dalla comunione tali cespiti.

Aggiungi un commento