Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Effetti della fusione per incorporazione. La società incorporata non può dirsi propriamente estinta per effetto dell'operazione straordinaria. (Cass. Civ., Sez. III, sent. n. 32142 del 10 dicembre 2019)

La fusione per incorporazione non determina l'estinzione della società incorporata, né crea un nuovo soggetto di diritto, ma attua l'unificazione mediante l'integrazione reciproca delle società partecipanti alla fusione, risolvendosi in una vicenda meramente evolutivo-modificativa dello stesso soggetto giuridico, che conserva la propria identità, pur in un nuovo assetto organizzativo; conseguentemente, l'attribuzione alla società incorporata della qualifica di responsabile dell'inquinamento giustifica la condanna della società incorporante alla rifusione delle spese di bonifica del sito inquinato.

Commento

(di Daniele Minussi)
La Corte di merito aveva ritenuto che, in conseguenza della fusione avvenuta nel 1970, la società incorporata si fosse estinta e che quella incorporante fosse un nuovo soggetto giuridico (diverso, cioè, rispetto alla prima). Rispetto alla società incorporante non avrebbero pertanto potuto configurarsi come incombenti le obbligazioni di ripristino ambientale che già facevano capo alla incorporata. La S.C. è andata tuttavia di diverso avviso, cassando la decisione: la fusione configura una vicenda evolutiva che non determina il venir meno della società incorporata, che evolve in una nuova struttura organizzativa, alla quale fanno capo gli obblighi preesistenti. Ciò premesso, va posto a fuoco come nella fattispecie venisse in esame un'operazione straordinaria antecedente alla riforma del diritto societario del 2003 e che, in quel tempo, era del tutto pacifica l'opinione (cfr. Cass. Civ. Sez. Unite, 27183/07) cui la fusione determinasse l'estinzione per l'incorporata, anche in dipendenza del modo di disporre del pregresso testo del I comma dell'art. 2504 bis cod. civ., a mente del quale "La società che risulta dalla fusione o quella incorporante assumono i diritti e gli obblighi delle società estinte."

Aggiungi un commento