Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Consiglio di stato, Sez. V, n. 77 dell’11 gennaio 2011. Superamento dei limiti imposti dall'art. 13 del D.L. n. 213/06 per le società strumentali a condizione che lo Statuto preveda la possibilità di svolgere sia servizi strumentali sia servizi pubblici locali

Il divieto di partecipazione a gare d'appalto, previsto dall'art. 13, commi 1 e 2 del D.L. n. 223/2006 (c.d. decreto Bersani 1), per le società c.d. strumentali, non si applica, anche con riferimento alle c.d. "società miste", vale a dire quelle che, come nel caso di specie, non presentano, quale oggetto sociale esclusivo, lo svolgimento dei servizi pubblici locali, in quanto le citate tipologie societarie presentano differenti caratteristiche giuridiche e diverso modello organizzativo, anche con riguardo alla finalità della speciale disciplina limitativa di cui al citato art.13, ossia di evitare alterazioni o distorsioni della concorrenza e del mercato e di assicurare la parità degli operatori. Pertanto, mentre i divieti e gli obblighi imposti dai citati commi del predetto art.13 trovano giustificazione per le società c.d. strumentali, non altrettanto ragionevole appare l'applicazione della stessa anche per quelle società c.d. "miste", partecipate da soggetti pubblici e privati le quali, pur non avendo un oggetto sociale esclusivo circoscritto alla sola operatività con gli enti costituenti o partecipanti o affidanti e, quindi, svolgendo sia servizi pubblici locali, sia altri servizi e forniture di beni a favore degli enti pubblici e privati partecipanti nonché a favore di altri enti o loro società o aziende pubbliche e private, operano comunque nel pieno rispetto delle regole di concorrenza imposte dal mercato, nonché di quelle previste per le procedure di affidamento dei contratti pubblici.

Commento

(di Daniele Minussi)
In un certo senso è possibile "scavalcare" la proibizione di cui alla legge "Bersani" semplicemente concependo un oggetto sociale che non abbia esclusivamente a che vedere con la mera erogazione di servizi all'ente locale territoriale.

Aggiungi un commento