Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. Civ., Sez. I, n.4365/2003. Accessione invertita e costruzione ad opera di soggetto privato di strada nell'ambito di un Piano di lottizzazione.

La costruzione di strade nell’ ambito del piano di lottizzazione a cure e spese di un privato (anche se poi destinate a uso pubblico) non è atto idoneo a determinare l’occupazione acquisitiva, atteso che questa presuppone la trasformazione irreversibile del suolo per iniziativa e a opera della pubblica amministrazione.

Commento

Non può essere considerata opera pubblica la strada (pur destinata ad essere ceduta gratuitamente al comune a fronte dell'obbligazione scaturente dalla stipulazione di un piano di lottizzazione) realizzata a cura e spese dell'attuatore privato. Dunque correttamente è stata esclusa la ricorrenza del fenomeno della occupazione acquisitiva (collegato all'operatività della accessione invertita di cui all'art. 938 cod.civ.)

Aggiungi un commento