Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Revoca del negozio di fondazione



Ai sensi dell'art. 15 cod.civ. l'atto di fondazione può essere revocato dal fondatore fino a quando non sia intervenuto il riconoscimento, ovvero il fondatore non abbia fatto iniziare l'attività dell'opera da lui disposta nota1.

La facoltà di revoca di cui alla norma in esame è perfettamente congruente con la natura di atto negoziale unilaterale che vale a qualificare il negozio di fondazione.
Si può osservare che la revocabilità si riferisce sia al caso della fondazione disposta con atto di ultima volontà (ed in tal senso essa si pone in termini assolutamente consonanti rispetto alla natura essenzialmente revocabile dell'atto), sia all'ipotesi della fondazione istituita in forza di atto tra vivi.

E' evidente l'analogia con il disposto dell'art. 1411 cod.civ. , ai sensi del quale il beneficio a favore del terzo è revocabile fino al momento in cui questi non abbia dichiarato di volerne profittare.

La facoltà di revoca attribuita dall'art. 15 cod.civ. è riservata al fondatore, con l'esclusione degli eredi di costui (art. 15 II comma cod.civ.). Appare tuttavia evidente che i legittimari lesi o pretermessi abbiano la possibilità di esercitare l'azione di riduzione contro il negozio di dotazione, il cui contenuto economico dispositivo venga concretamente ad eccedere la parte disponibile. Per quanto attiene invece ai creditori, non può essere loro negato il diritto potestativo di esercitare la separazione allo scopo di assicurarsi la prelazione nel soddisfacimento del creditonota2.

Note

nota1

Bisogna senz'altro sottolineare ancora una volta come l'inizio dell'attività non comporti assolutamente l'esistenza della fondazione. Infatti di tutti gli atti compiuti prima del riconoscimento saranno responsabili personalmente o il fondatore stesso o coloro che hanno agito come amministratori. Cfr. Bianca, Diritto civile, vol. I, Milano, 1990, p.311; Prosperi, in Codice civile annotato con la dottrina e la giurisprudenza, a cura di Perlingieri, vol. I, Torino, 1980, p.230.
top1

nota2

Analogamente Galgano, Le associazioni. Le fondazioni. I comitati, Padova, 1987, p.175.
top2

Bibliografia

  • GALGANO, Le associazioni. Le fondazioni. I comitati, Padova, 1976
  • PROSPERI, Torino, Cod.civ.ann., I, 1980

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Revoca del negozio di fondazione
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Revoca del negozio di fondazione"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto