Legittimario leso o pretermesso e prova della simulazione

Si discute se i legittimari lesi o pretermessi possano essere considerati, in relazione ad eventuali donazioni dissimulate da compravendite, parti o terzi rispetto al fenomeno simulatorio. E' infatti evidente che un ragionamento formalistico, basato sulla natura della posizione giuridica dell'erede quale ideale prosecutore della personalità del defunto, si porrebbe in antitesi con la realtà pratica ogniqualvolta il legittimario risultasse leso nella quota di riserva, ovvero addirittura pretermesso proprio in esito alla condotta negoziale dell'ereditando.
La giurisprudenza, a tal proposito ha stabilito che i legittimari assumono la qualità di terzi nota1 ex art.1417 cod.civ. : essi instano per la realizzazione di un diritto proprio, per il cui conseguimento occorrerà agire in riduzione, dopo aver vittoriosamente sperimentato l'azione di simulazione (Cass. Civ. Sez.II, 6031/95 ; Cass. Civ. Sez. II, 20868/04; Cass.Civ. Sez.II, 9956/07). E' stato così deciso che incomba sull'acquirente la prova dell'effettività del pagamento del prezzo della vendita di cui si intende provare la natura simulata (Cass. Civ., Sez. II, 12955/2014).
Nè è prospettabile l'assunzione da parte del legittimario di una duplice veste (rispettivamente di terzo per la porzione legittima e di parte, quale erede, per l'eventuale supero, rispetto alla detta porzione di riserva, di quanto acquisito all'asse ereditario in esito all'azione e "nuovamente" al medesimo devoluto secondo le regole della successione ab intestato Cass.Civ. Sez.II, 6332/03). Diversa è l'ipotesi in cui l'erede agisca in giudizio facendo valere la simulazione dell'atto di disposizione a titolo oneroso, dissimulante una donazione, allo scopo di affermare il diritto all'acquisizione del bene alla massa ereditaria ai fini della collazione, senza che venga in gioco lesione della legittima. In tal caso egli non può essere considerato terzo, piuttosto subentrando nella posizione dell'ereditando (Cass.Civ. Sez.II, 4021/07; cfr. anche Tribunale di Napoli, 17 aprile 2007, ove si chiarisce la necessità dell'esplicito svolgimento, contestualmente rispetto all'azione di simulazione che pure ne costituisce il logico presupposto, dell'azione di riduzione).
Si noti che l'esercizio dell'azione è subordinato alla preventiva accettazione con beneficio di inventario quando la reintegrazione della quota legittima sia effettuata in danno a soggetti non coeredi (Cass.Civ. Sez.II, 2294/96). Tale condizione di procedibilità non rinviene tuttavia applicazione quando il legittimario possa dirsi totalmente pretermesso (Cass. Civ., Sez. II, 16635/13).
In tema di retratto successorio la simulazione della vendita della quota ereditaria non può essere opposta nota2, ai sensi dell' art. 1415 cod. civ. , ai retraenti, essendo costoro terzi rispetto al contratto stesso (Cass.Civ. Sez.II, 5181/92).
Distinta questione, tuttavia strettamente correlata a quella appena trattata, è quella della necessità, ai fini dell'ammissibilità della proposizione dell'azione di simulazione relativa, che l'erede abbia preventivamente ad accettare l'eredità con beneficio d'inventario. Infatti la predetta azione deve ritenersi funzionalmente prodromica alla proposizione dell'azione di riduzione (cfr. Cass. Civ., Sez. II, 4400/11). Il Giudice può poi respingere la prova testimoniale intesa a dar conto della donazione dissimulata anche sotto il profilo della mancata allegazione degli elementi che si pongono come presupposti della asserita lesione (quali l'esatta consistenza dell'asse, il computo della porzione legittima: cfr. Cass. Civ., Sez. II, 14473/11). La natura simulata della disposizione talvolta richiede una penetrante disamina dell'elemento causale dell'atto: si pensi al contratto di mantenimento in relazione al quale faccia sostanzialmente difetto l'alea in relazione all'età del vitaliziato, alle condizioni di salute dello stesso, al valore del bene trasferito (Cass. Civ., Sez.II, 7479/13).

Note

nota1

Così Ricciuto, La simulazione, in I contratti in generale, a cura di Gabrielli, t. 2, Torino, 1999, p.1422; Sacco, Le controdichiarazioni, in Tratt.dir.priv. diretto da Rescigno, Torino, 1995, p. 245; Mirabelli, Dei contratti in generale, in Comm.cod.civ., Torino, 1980, p. 466.
top1

nota2

Bianca, Diritto civile, Milano, vol. III, 2000, p.706.
top2

Bibliografia

  • MIRABELLI, Dei contratti in generale, Torino, Comm. cod. civ., vol. IV, 1967
  • RICCIUTO, La simulazione, Torino, I contratti in gen., a cura di Gabrielli, II, 1999
  • SACCO, Le controdichiarazioni, Torino, Tratt.dir.priv.dir. da Rescigno, 1995

News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Legittimario leso o pretermesso e prova della simulazione
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Legittimario leso o pretermesso e prova della simulazione"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto

Accetto