Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. pen. del 1985 (24/05/1985)


Nell'ipotesi in cui il notaio falsamente attesti di essere certo dell'identita' delle parti da lui non conosciute personalmente e preventivamente e' configurabile il delitto di falsita' ideologica non con riferimento a questa dichiarazione, ma alla implicita attestazione, non rispondente al vero, di avere preventivamente svolto un'attivita' di accertamento o di controllo con le modalita' previste dalla legge.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. pen. del 1985 (24/05/1985)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto