Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. pen. del 1987 numero 9424 (27/08/1987)


La titolarità del diritto soggettivo al risarcimento dei danni conseguenti alla morte di una persona é dall'ordinamento riconosciuta soltanto a coloro che sono legati al defunto da un vincolo previsto e tutelato espressamente dalla legge. La convivenza, sia pure protratta nel tempo more uxorio, non é direttamente tutelata e, in caso di morte per altrui fatto illecito del convivente il superstite non é legittimato a costituirsi parte civile.

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. pen. del 1987 numero 9424 (27/08/1987)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto