Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Scritture contabili previste ex art. 2214 cc



Passando ora all’esame dell’art. 2214 cod. civ. risulta che, tra le scritture contabili obbligatorie, sono comprese oltre “il libro giornale e il libro degli inventari” anche “le altre scritture che siano richieste dalla natura e dalle dimensioni dell’impresa”. Il riferimento riguarda, quindi, solo le scritture contabili e non i documenti.

Vale a dire che nessun obbligo di tenuta e conservazione è disposto per i documenti che scritture contabili non sono, come i contratti preliminari di compravendita di immobili.

Insomma, il contratto preliminare redatto per scrittura privata non può essere ricompreso tra le scritture contabili e precisamente tra “le altre scritture che siano richieste dalla natura e dalle dimensioni dell’impresa”.

Il citato art. 2214 cod. civ., infatti, facendo riferimento alle “altre scritture” contabili ha riguardo solo alle scritture contabili e non ai documenti quali le scritture private e neppure ai documenti obbligatori (fatture, lettere, telegrammi).

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Scritture contabili previste ex art. 2214 cc"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto