Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Regime fiscale della caparra penitenziale


La caparra penitenziale rappresenta non una cautela contro l’inadempimento, ma il corrispettivo per l’attribuzione della facoltà di recesso.

Ai fini IVA, anche se la caparra penitenziale è considerata il corrispettivo del recesso, non costituendo corrispettivo, è esclusa dal campo di applicazione del tributo.

Se successivamente le somme corrisposte a titolo di caparra assumono la natura di acconto sul prezzo, in tale momento l’operazione si considera effettuata nota1.

Ai fini dell’imposta di registro, non essendo espressamente contemplata dalla nota all’art. 10 Tariffa, D.P.R. n. 131/1986 (è escluso, pertanto, il rinvio all’art. 6 Tariffa) ed essendo esclusa da IVA, è soggetta all’imposta proporzionale con aliquota del 3% ex art. 9 Tariffa, D.P.R. n. 131/1986 che disciplina, in via residuale, tutte le disposizioni non altrove previste aventi contenuto patrimoniale nota2.

Note

nota1

Cfr. R.M. 19 maggio 1977, n. 411673.
top1

nota2

Cfr. R.M. 18 giugno 1990, n. 310388.
top2

Voce correlata in diritto civile

Caparra penitenziale

Vedi anche

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Regime fiscale della caparra penitenziale"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto