Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Operatività della rappresentazione in riferimento ad altri istituti



La rappresentazione determina il venire alla successione di soggetti differenti rispetto al chiamato che non può o non vuole accettare. Esistono tuttavia altri istituti propri del diritto successorio la cui efficacia ha modo di esplicarsi in via alternativa rispetto alla rappresentazione nota1. Tali la trasmissione, la sostituzione e l' accrescimento. L'indagine che segue è mirata a dar conto delle condizioni in forza delle quali ha modo di manifestarsi l'effetto dell'uno piuttosto che dell'altro criterio attributivo della delazione.

nota1

Note

nota1

Prestipino, Delle successioni in generale (Artt.456-535), in Comm. teorico-pratico al cod.civ., diretto da De Martino, Novara-Roma, 1981, p.161.
top1

Bibliografia

  • PRESTIPINO, Delle successioni in generale, Novara-Roma, Comm.cod.civ., dir. da De Martino, 1981

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Operatività della rappresentazione in riferimento ad altri istituti"

Iscriviti alla Newsletter di WikiJus!

Iscriviti