Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

DAT (disposizioni anticipate di trattamento) e sistemi pubblicitari



Gli atti contenenti disposizioni anticipate di trattamento sono disciplinate sotto il profilo della raccolta e della gestione informatica. Non è chiaro se l'art. 7 della l. 219/2017 preveda a tal fine, stante la natura sensibile dei dati, un sistema in qualche misura avente una valenza pubblicitaria. Ai sensi del comma VII° dell'art. 4 della legge citata infatti "le regioni che adottano modalità telematiche di gestione della cartella clinica o il fascicolo sanitario elettronico o altre modalità informatiche di gestione dei dati del singolo iscritto al Servizio sanitario nazionale possono, con proprio atto, regolamentare la raccolta di copia delle DAT, compresa l'indicazione del fiduciario, e il loro inserimento nella banca dati, lasciando comunque al firmatario la libertà di scegliere se darne copia o indicare dove esse siano reperibili." Va anzitutto rilevato come si tratti di una condotta non vincolata e non di un obbligo, parendo inoltre come sia rimessa al disponente la scelta di semplicemente segnalare (dunque dare pubblicità) l'esistenza delle DAT oppure di consentire che ne venga estratta copia.

News collegate

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "DAT (disposizioni anticipate di trattamento) e sistemi pubblicitari"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto