Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. VI-III del 2020 numero 20340 (28/09/2020)




In materia di garanzie patrimoniali, la vendita di un immobile effettuata dal padre al figlio è assoggettabile ad azione revocatoria ordinaria anche se il ricavato è stato impiegato per pagare debiti pregressi. Il cedente, infatti, deve dimostrare che il trasferimento dell’immobile di maggior pregio del suo patrimonio era l’unica soluzione possibile per estinguere tutte le pendenze. A tal fine deve fornire la prova che la vendita al figlio del bene immobile di maggior valore tra quelli facenti parte del suo patrimonio fosse l'unico modo per far fronte ai debiti pregressi.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. VI-III del 2020 numero 20340 (28/09/2020)"

Iscriviti alla Newsletter di WikiJus!

Iscriviti