Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. VI-III del 2019 numero 14169 (24/05/2019)




Il notaio incorre in responsabilità professionale qualora non adempia correttamente la propria prestazione; tale dovuta diligenza non si esplica soltanto nella redazione dell’atto richiesto dalle parti, ma comprende anche le c.d. attività preparatorie, tra le quali l'esecuzione delle visure catastali e ipotecarie. Questa responsabilità deve tuttavia essere esclusa qualora tutte le parti che procedono alla stipula lo abbiano espressamente esonerato da porre in essere tali attività.
Ne segue che il notaio esonerato dalle visure non risponde dell’ipoteca giudiziale che grava sul bene venduto. Sussistendo la responsabilità solo se il professionista fosse stato a conoscenza dell’esistenza di formalità pregiudizievoli o si fosse fatto pagare l’attività poi omessa.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. VI-III del 2019 numero 14169 (24/05/2019)"

Iscriviti alla Newsletter di WikiJus!

Iscriviti