Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 2019 numero 30517 (22/11/2019)




L'atto con il quale si procede, in difetto di autorizzazione del giudice, allo scioglimento del fondo patrimoniale costituito dai coniugi nell’interesse dei figli è annullabile, essendo posto in essere in esito alla mera espressione del consenso dei genitori, senza le cautele poste a protezione dei minori. Dal momento però che il divieto di scioglimento in parola è posto ad esclusivo vantaggio dei minori, ne discende che solo questi ultimi possono agire per far annullare l’atto di scioglimento e non già i terzi, sia pure quando rivestano la qualità di creditori che possono agire mediante azione revocatoria.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 2019 numero 30517 (22/11/2019)"

Iscriviti alla Newsletter di WikiJus!

Iscriviti