Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Atti costitutivi e modificativi delle start-up innovative di cui all’art. 25 e seguenti del DL 179/2012 - Dubbi operativi


Parere prot. n. 411501 del 22 dicembre 2016

OGGETTO: Atti costitutivi e modificativi delle start-up innovative di cui all’art. 25 e seguenti del DL 179/2012 - Dubbi operativi - Richiesta parere.

Con nota mail del 29/11/2016 codesto Studio ha posto un quesito in merito alla portata delle norme (primarie e di attuazione) relative alla modalità di costituzione delle start-up senza la necessità dell'atto pubblico.

Chiede in particolare codesto Studio:

Fino ad oggi abbiamo stipulato atti costitutivi e modificativi di start-up nella forma dell'atto pubblico ai sensi della normativa civilistica e ciò anche dopo l'emanazione da parte di Codesto Ministero del modello uniforme dell'atto costitutivo/statuto, ritenendo sia il sistema di costituzione con atto digitale, sia l'adozione del modello uniforme alternativi alla costituzione ordinaria (cfr anche la Circolare MISE n. 3691/C del 1.7.2016). Ora il D.M. del 28.10.2016 (G.U. 26.11.2016) ci pone delle ulteriori questioni: nelle premesse viene dato atto che "l'art. 4 comma 10 bis del D.L. 24.1.2015 n. 3 prescrive che in deroga alle norme del codice civile tali atti possono essere redatti alternativamente anche in forma elettronica".
Ma all'art. 1 il decreto recita "gli atti modificativi dell'atto costitutivo e dello statuto (…) sono redatti in forma elettronica (…) in totale conformità allo standard allegato sotto la lettera a del presente decreto" e ai commi successivi "l'atto modificativo è redatto in modalità esclusivamente informatica e se sottoscritto in maniera diversa (…) non è iscrivibile nel registro delle imprese". Si evidenzia però che l'art. 4 comma 10 bis del D.L. 24.1.2015 n. 3 dispone che "l'atto costitutivo e le sue modificazioni di start-up innovative sono redatti per atto pubblico ovvero per atto sottoscritto con le modalità previste dall'art. 4 del CAD" Quindi, può un Decreto Ministeriale superare la previsione legislativa? Oppure la nostra è una errata interpretazione dello stesso Decreto Ministeriale? In sintesi: è conforme alla legge costituire una società Start-up con atto pubblico secondo quanto previsto dal Codice Civile e altresì modificarla con la stessa modalità quand'anche la società mantenga i requisiti per essere iscritta nel registro speciale delle start-up? E, in caso affermativo, è necessario per il Notaio Rogante utilizzare il modello uniforme dell'atto costitutivo/statuto emanato dal Ministero?

Come opportunamente osservato da codesto Studio, l'articolo 4, comma 10 bis del DL 3 del 2015, è molto chiaro nel definire le due modalità (atto pubblico o atto elettronico privato) alternative tra loro. Il legislatore ha infatti introdotto una modalità semplificata di costituzione che non sostituisce, ma affianca quella ordinaria prevista dall'articolo 2463 del codice civile.

I decreti ministeriali attuativi (DM 17 febbraio 2016, DD 1 luglio 2016 e DM 28 ottobre 2016) non possono ovviamente disporre in maniera difforme rispetto alla norma di delega.

I decreti ministeriali attuativi, tuttavia, in quanto tali, dispongono le modalità di redazione e compilazione del file elettronico, senza ovviamente necessità di dettare criteri relativi alla redazione e costituzione ordinaria delle società start-up, in quanto regolati dalle norme del codice civile e della legge notarile.

Conclusivamente, pertanto, alla data attuale sono possibili due differenti modalità di costituzione per le società start-up, costituite in forma di s.r.l.: quella ordinaria, rimessa al rogito notarile e quella alternativa, redatta secondo le modalità previste dai decreti succitati. Da ciò consegue che i notai possono ben continuare a rogare per atto pubblico gli atti costitutivi e modificativi di SRL, aventi natura di start-up, secondo le modalità indicate dal codice civile e dalla legge notarile.

Solo ove il notaio sia richiesto di autenticare la scrittura privata elettronica di costituzione di start-up a norma dell'articolo 5, comma 1, del DM 17 febbraio 2016, allora sarà chiamato ad autenticare un originale informatico redatto sulla base dello standard approvato da questo Ministero.

A scopo di definitiva risoluzione di ogni eventuale misunderstanding derivante dalla interpretazione delle norme più volte richiamate, la presente è trasmessa per conoscenza anche al Ministero della Giustizia, Amministrazione degli archivi notarili, per quanto di competenza.

F.to Fiorentino
IL DIRETTORE GENERALE
(Avv. Mario Fiorentino)

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Atti costitutivi e modificativi delle start-up innovative di cui all’art. 25 e seguenti del DL 179/2012 - Dubbi operativi"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto