Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Tribunale di Milano, sentenza del 17 gennaio 2007. Insussistenza dell'autorizzazione giudiziale nel caso dell'art. 169 c.c..

Anche in presenza di figli minori, l'autorizzazione giudiziale per l'alienazione o la costituzione di vincoli reali su beni immobili compresi nel fondo patrimoniale prevista dall'art. 169 c.c. è richiesta solo nel caso in cui le parti nell'atto di costituzione non abbiano espressamente consentito tali atti di disposizione sulla base del mero consenso dei coniugi costituenti.

Commento

La sentenza può dirsi in un certo senso ancor più avanzata di quanto non fosse, sotto il profilo in esame, Trib. Brescia 9 giugno 2006. Si giunge infatti ad espressamente riferire la clausola derogatoria rispetto alla necessità di munirsi di autorizzazione giudiziale ai fini del compimento di un atto di alienazione di beni del fondo ad ogni ipotesi, tra le quali è da annoverare anche quella in cui esistano flgli minori d'età. Contra cfr. Trib. Terni 12 aprile 2005.

Aggiungi un commento