Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. Civ., sez. II, n. 6589/2006. Onere per chi contesta il possesso di provare atti di tolleranza o titoli giustificativi della detenzione.

Si presume possessore del bene colui che esercita il potere di fatto su di esso perché l'animus possidendi è normalmente insito nell'esercizio di tale potere, che lo rende manifesto, e pertanto spetta a chi contesta tale possesso provare gli atti di tolleranza o i titoli giustificativi della detenzione, quali la locazione, la mezzadria, l'affitto, il comodato et similia.

Commento

La fondamentale presunzione di cui al I comma dell'art.1141 cod.civ. non può che implicare il fatto che incomba su colui che allega la riconducibilità della situazione di fatto alla mera tolleranza l'onere della relativa prova. Cfr. nello stesso senso Cass. 5415/90.

Aggiungi un commento