Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Raggruppamento temporaneo di imprese



Nel nostro ordinamento non esiste una norma specifica che disciplina la costituzione dell' associazione temporanea di imprese. La figura è contemplata in un certo senso incidentalmente. La legge 11 febbraio 1994 n.109 all'art.10 lett.d ) prevede che le opere siano affidate ad una associazione temporanea di concorrenti e i relativi aspetti operativi risultano meglio disciplinati dal regolamento attuativo della legge (D.P.R. 21 dicembre 1999, n.554 ).
Ciò premesso, si può affermare che la figura appare riconducibile al mandato con rappresentanza. Le imprese che si dichiarano riunite sono infatti ammesse a presentare offerte per appalti e concessioni di lavori solo laddove abbiano già conferito o si impegnino a conferire, al di fuori di ogni rapporto di carattere associativo o consortile, alla c.d. capogruppo, il potere di trattare, di agire nei confronti della stazione appaltante (art.93 , D.P.R. 554 del 21 dicembre 1999). Questa attribuzione di poteri doveva, ai sensi della previgente disciplina, preesistere anteriormente allo svolgimento della gara pubblica preordinata all'attribuzione dell'appalto. Di conseguenza occorreva per le imprese costituirsi in associazione temporanea prima di partecipare alla gara, sostanzialmente anticipando un'attività che in concreto ben poteva rivelarsi inutile. Per effetto della Legge 18 novembre 1998, n.415 (c.d. Merloni, la quale ha introdotto modifiche alla Legge 109/94 ), questo vincolo è scomparso. Così attualmente risulta possibile che le imprese si dichiarino raggruppate anche successivamente alla gara di appalto che si siano già aggiudicate, ogniqualvolta si fossero impegnate a farlo in un tempo precedente alla gara stessa (cfr. in questo senso l'art.13, comma 5 della Legge 109/1994, ai sensi del quale viene richiesta l'iniziale sottoscrizione dell'offerta da parte di tutte le imprese, le quali successivamente indicheranno la capogruppo incaricata a stipulare il contratto in nome e per conto delle altre).
Il raggruppamento di imprese, atto connotato dalla forma scritta nota1, non dà comunque luogo ad un nuovo soggetto giuridico nemmeno sotto forma di impresa collettiva nota2. In altri termini, gli imprenditori concordano l'esecuzione di una determinata attività, rimanendo autonomi nell'esecuzione e senza dotare il gruppo di una distinta soggettività. Nè il fenomeno può essere ricondotto all' associazione in partecipazione di cui all'art.2549 cod.civ., poichè fa difetto la sinallagmaticità tra l'attribuzione da parte dell'associante di una quota di utili verso l'apporto conferito dall'associato (Cass.Civ. Sez.III, 6757/01 ). Una qualche affinità esiste con la c.d. joint venture, anche se la detta locuzione appare genericamente comprensiva sia dei casi in cui i co-venturers si limitano ad una semplice attività di cooperazione, sia delle ipotesi in cui essi danno vita ad un soggetto autonomo ( joint venture corporation ).
L'art 13, comma 8 della Legge 109/94 distingue inoltre le associazioni temporanee di imprese in verticali ed orizzontali: si hanno le prime qualora una delle raggruppate debba realizzare i lavori della categoria prevalente. La distinzione assume rilevanza ai sensi dell'art.95 del regolamento del 1999, ove si prevede che i requisiti economico-finanziari e tecnico-organizzativi richiesti dal bando di gara debbano essere posseduti dalla capogruppo nella categoria prevalente per le associazioni verticali, mentre devono essere posseduti dalla mandataria solo in misura maggioritaria e in misura minoritaria cumulativamente dalle altre per le associazioni orizzontali (disposizione che trova conferma in quanto dettato dall'art.13, comma 5 della L.109/94, come modificato dalla L.01 agosto 2002, n.166 ).
Si badi che, ai sensi dell'art. 96 D.P.R. 554/99 risulta possibile per le imprese riunite, costituire fra loro una società anche consortile, ai sensi del libro V, titolo V nota3 : ciò costituisce una riprova del fatto che, in difetto di una tale eventualità, non è dato ravvisare nel mero raggruppamento alcun fenomeno soggettivamente autonomo rispetto alle imprese riunite.
Il vincolo infine si risolve automaticamente con l'effettuazione dell'opera ed il pagamento: in questo senso il raggruppamento è qualificato come temporaneo.

Note

nota1

Ai sensi dell'art. 95,5 comma D.P.R. 554/99 il mandato (gratuito ed irrevocabile) conferito alla capogruppo deve risultare da scrittura privata autenticata (o, a maggior ragione, da atto pubblico) e la procura è conferita al legale rappresentante della capogruppo.
top1

nota2

A riprova di ciò l'art.95,7 commaD.P.R. 554/99 specifica che il rapporto di mandato non determina di per sé organizzazione od associazione tra le imprese riunite, ognuna delle quali conserva la propria autonomia.
top2

nota3

La norma citata precisa che la società subentra, a decorrere dalla data di notificazione dell'atto costitutivo all'appaltante ed alla iscrizione della società nel registro delle imprese, nella esecuzione totale o parziale del contratto senza ciò costituisca ad alcun effetto né subappalto né cessione del contratto. Si deve probabilmente ravvisare in questa figura una surrogazione reale ex lege .
top3

Prassi collegate

  • Quesito n. 103-2014/I, A.T.I. avente ad oggetto lo svolgimento coordinato di un’attività non limitata ad uno specifico affare
  • Quesito n. 75-2012/I, Associazione di scopo atipica priva del requisito della temporaneità
  • Quesito n. 58-2012/I, Partecipazione di una sas all’associazione temporanea di professionisti
  • Quesito n. 234-2011/I, Recesso da associazione temporanea di imprese e subingresso nel contratto
  • Quesito n. 192-2011/I, Scissione e subingresso nei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture
  • Quesito n. 133-2008/I, Partecipazione di associazione senza fini di lucro in associazione temporanea di imprese
  • Quesito n. 737-2007/C, In tema di ATI: il ruolo della società costituita dalle società partecipanti all'ATI per l'esecuzione dell'opera appaltata
  • Quesito n. 456-2007/C, In tema di ATI: effetto della rinuncia della capogruppo nei confronti dell'ente pubblico
  • Quesito n. 3-2007/I, Associazioni temporanee di professionisti
  • Quesito n. 722-2006/C, Associazione temporanea di imprese e appalti tra privati
  • Quesito n. 98-2006/I, Scrittura privata di associazione temporanea di imprese e conservazione a raccolta dal notaio autenticante

News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Raggruppamento temporaneo di imprese
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Raggruppamento temporaneo di imprese"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto