Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Comunione tacita familiare




L'art. 2140 cod.civ. nota1 come previgente alla legge di riforma del diritto di famiglia, prevedeva la figura della comunione tacita familiare. Essa consisteva in una struttura associativa caratterizzata dalla comunanza di tetto e di mensa, dal vincolo di parentela o di affinità tra i partecipanti, dallo svolgimento di un'attività lavorativa comune diretta alla formazione di un unico peculio (ma si veda Cass. Civ., Sez. Lavoro, sent. n. 18201/13 nonchè Cass. Civ., Sez. Lavoro, 9579/2014 sulla sorte degli acquisti effettuati dal singolo componente) gestito senza particolari formalità e destinato alla esigenze della famiglia (Cass. Civ. Sez. I, 1688/87). Sembra arduo ipotizzare una soggettività della figura distinta rispetto a quella delle singole persone fisiche legate tra loro dai particolari vincoli di cui alla norma riferita, la quale si limitava a disporre alcune prescrizioni specifiche intese a dar conto della specifica modalità di gestione di elementi patrimoniali.

Note

nota1

Il testo originario era così formulato: "le comunioni tacite familiari nell'esercizio dell'agricoltura sono regolate dagli usi".
top1

News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Comunione tacita familiare
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Comunione tacita familiare"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto